Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/164

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


FOTTE LA MEDESIMA.


SONETTO


Senti, buzarona, abbi giudizio
    Co sto darghe la Mona a questo, e a quello,
    Credistu, che sia marzo sto mio Osello?
    4Che nol sia bon de far più quel servizio?

Credistu forse de no dar indizio
    D'una vita lasciva, e da bordello?
    Mascara, te cognosso, và bel bello,
    8Lassa, ch'anca mi fazza 'l me esercizio.

Me tira giusto 'l Cazzo in sto momento,
    Slargame le gambe, e sporzeme la Potta,
    11Che te lo voggio metter tutto drento.

Per Diana, che l'è andà de tutta botta,
    Oh che gusto! oh che gusto, che mi sento!
    14Ah! lassa, ch'ogni zorno mi te fotta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/164&oldid=60477"