Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/163

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO UNA DONNA.


SONETTO


Tasi là, buzarona, no parlar,
    Che la to vose no la val un Cazzo
    Perchè mi hò visto, che ti gieri a brazzo
    4D'uno, ch'altro no fà se nò chiavar.

Mi sò, che ti t'hà fatto buzarar,
    E ch'in Mona ti hà tiolto ancora 'l Cazzo,
    Sò, che amante ti xe de sto solazzo,
    8E che ti te la meni per sborar.

No ghe penso de ti 'na buzarada,
    E, piuttosto d'entrar in la to Mona,
    11Voggio darghe al mio Cazzo una tagiada;

Mi spero zà de vederte, cogiona,
    Fin dalla testa ai pìe tutta impestada,
    14E mi allora dirò; schiao buzarona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/163&oldid=60476"