Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/147

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    Questa zente buzarona,
    Che no vuol lodar la Mona;
    15Quella Mona, che xe stà,
    E che sempre mai sarà
    La delizia dei Cotali,
    E 'l prencipio dei mortali,
    Dalla qual nascemo tutti
    20Tanto vecchj, quanto putti,
    Ch'hà dà al Mondo dei soggetti
    Valorosi, e assae perfetti,
    Che de scienza, e de vertù
    No se puol pensar de più.

25Da chi è nato un Ciceron,
    Da chi Omero, ed un Platon,
    E tant'altri inzegni rari
    In virtù sì singolari,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/147&oldid=64541"