Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/146

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO CHI DISE MAL DELLA MONA.


CANZONE


Ghe xe al Mondo certi siori,
    Che acquistar se crede onori,
    Biasimando la gran Mona,
    Che de tutti xe parona,
    5Ma a costori mi vorrìa,
    Che ghe fusse buttà vìa
    Tanto 'l Cazzo, che i cogioni,
    Perchè più no i fusse boni
    De cazzarlo in quel busetto
    10Fin dal Papa benedetto.

Mi se al Mondo comandasse
    Vorrìa un Boja, che impiccasse

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/146&oldid=60473"