Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


DOCUMENTI PER BEN SBORAR.


SONETTO


Quando volè sborar, come, che và,
    Sentì cosa bisogna, che vù fè,
    Che alla Donna la Mona ghe menè
    4Infin a tanto, che la gà sborà;

Dopo, co vù sentì el Cazzo tirà,
    Che trà delle so gambe ve mettè,
    Che i lavri della Mona ghe slarghè,
    8E che ghe 'l parè sù, co l'è imbroccà;

Quando, che 'l gavè drento, fè cussì,
    Che ve farà la Mona più bon prò,
    11Metteghe un deo in tel Cul, credeme a mì,

E co sentì la Donna che vien zò,
    Più allora de sborar no ve tegnì,
    14Che gaverè più gusto tutti dò.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/14&oldid=60472"