Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/13

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


GUSTI BRAMAI DALL'AUTORE.


SONETTO


Sette Donne vorrìa per mio solazzo;
    E tutte nue d'intorno le me stasse,
    Una vorrìa, che 'l Culo me licasse,
    4L'altra, che in bocca me tiolesse 'l Cazzo.

Do altre mi vorrìa sora un stramazzo,
    Che colla panza in sù le se buttasse,
    E menarghela infin, che le sborasse,
    8E che me stracco l'uno, e l'altro brazzo.

Altre do vorrìa in terra destirae
    Per goder con i pìe, de quando in quando
    11Darghe in Mona de bone fregonae,

E, acciò no stasse l'ultima de bando,
    Ghe vorrìa dar de gran bone licae,
    14Pò andarghe 'l Cul col naso buzarando.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/13&oldid=60467"