Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/130

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTORE CONTRO 'L SO CAZZO.


SONETTO


Cosa xe mai sta cosa, che 'l mio Cazzo
    No ghè caso, ch'l voggia far giudizio?
    El m'hà pur fatto andar in precipizio,
    4E tanto, e tanto el me vuol dar impazzo.

Mo, che Cazzo cogion buzaradazzo,
    El pelo el vuol lassar prima del vizio!
    Ancora el vuol cavarse ogni caprizio,
    8E nol puol star in pìe sto visdecazzo.

Mi penso per levarme sto tormento,
    E credo, che farò 'na cosa bona
    11De tagiarmelo via, quando son drento;

Zà vedo, che sta razza buzarona
    No sarà mai nè quieto, nè contento,
    14Se nol xe morto, e anca sepolto in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/130&oldid=60468"