Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/129

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DIFFICOLTÀ DAL MEDITAR ALL'ESEGUIRE.


SONETTO


Dal dir al far osservo ghè un gran tratto,
    Ho dito spesso, che no voi più Dona,
    E che no voggio più toccar la Mona,
    4Ma eseguir mi no posso sto contratto.

Se mi stago alla leze, che m'hò fatto,
    Idest de lassar star la puttanona,
    Vegno una vita a far cussì cogiona;
    8Che in poco tempo mi devento matto.

Me pento, che me sìa passà per mente
    Una buzara granda, come questa;
    11De no voler la Mona più per gnente;

In sto punto mi fazzo una prottesta,
    Che, se gò messo el Cazzo solamente;
    14Da quà avanti ghe voi metter la testa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/129&oldid=60466"