Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/128

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTORE PRINCIPIA A FOTTERE.


SONETTO


Mona, stame lontan per carità,
    Anca, se ti xe larga, come un forno,
    Perchè mi gò tanta lussuria attorno;
    4Che 'l Cazzo no puol star più sequestrà.

Stame lontan, che prima xe peccà,
    Benchè de questo no ghe dago un corno,
    E pò, perchè, se mai chiavar te torno,
    8Vago a un gran rischio de creparte là;

Che 'l mio Mal xe ficcà drento ai polmoni,
    E son sicuro, che, se fotto, moro,
    11Onde hò da star all'erta coi cogioni.

Mona; stame lontan, che tiro el toro,
    Mona... Ah! tel metto, Ah! slarga i mustacchioni!
    14Mona... Saltar me fai, oh Dio! che sboro.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/128&oldid=60465"