Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/127

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIMILE.


SONETTO


Se ti gavessi un pò de raziocinio
    Ti ti me dovaressi ringraziar,
    A bon conto cussì ti puol studiar,
    4Senza, che t'impedissa el tirocinio.

Ti puol aver sul senso più dominio,
    E in seguito la vita anca slongar,
    E, come el too ti puol più sparagnar,
    8Ti è salvo de no andar in esterminio.

De cosa donca vustu lamentarte?
    Ti gaverà, co più no ti và drento,
    11Tanto manco peccai da confessarte.

Ti viverà più quieto, e più contento,
    Ma dime; dove lassistu da parte
    14El ben de no chiappar un scolamento?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/127&oldid=60464"