Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/126

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL CAZZO DELL'AUTORE.


SONETTO


Perchè no ziro più, ti te lamenti?
    No xe meggio per ti, caro cogion?
    Cussì no ti gà tante tentazion,
    4E ti è fuora de tanti gran tormenti;

Amor più per gnessuna no ti senti,
    Te par poco no aver più sta passion!
    Ti sà pur cosa xe quel buzaron;
    8Che no fà mai gnessun, che sia contenti.

Ti te và lamentando per la strada,
    Che a no poderte più tior sto solazzo
    11Ogni cosa te par ancuò salada;

Pensa piuttosto, o caro visdecazzo,
    Cosa, che te costava una chiavada,
    14E se ti puol lamentete del Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/126&oldid=60463"