Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/125

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


MADRIGALE


Sento a dirme,
    La pissa, la spuzza,
    E ogni mese
    Ghe vien el marchese;
    5Ma la è Mona,
    E la è bona,
    E a sto Mondo
    L'è sempre stà
    El più dolce boccon.

10Tutto el forte de tanto schiamazzo
    No hà mai fatto più debole 'l Cazzo;
    El la cerca, e 'l la vuol, e 'l la fotte;
    Nè per questo el deventa cogion.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/125&oldid=60462"