Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/123

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SIBEN SE IMPESTA, PIASE LA MONA.


SONETTO


Donne, ve compatisso, se la Mona,
    Ghe la volè imprestar a Piero, e a Polo,
    Perchè, quando una cosa xe assae bona,
    4No la xe fatta a posta per un solo.

Mi co son colle Donne me consolo,
    Nè hò dito mai con elle la corona,
    Siben, che qualche volta le me dona
    8Robbe, che me fà andar col Cazzo al Colo.

La Mona, zà se sà, che no regala
    Calze, Capei de Franza, o maneghetti,
    11Ma scolamenti orrendi, che no fala;

Eppur co tutti quanti sti licchetti
    Piase la Mona, e tutti ghe fà spala
    14Siben, ch'i gà el Cotal fatto a merletti.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/123&oldid=60460"