Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/120

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RIFFLESSION SORA LA MONA, E 'L CULO.


SONETTO


Sangue de Bacco, oh dura condizion!
    Che xe mai questa, no se puol entrar
    Drento la Mona, ch'una scolazion
    4S'è sicuri, v'accerto, de portar.

Per mi certo la xe una gran passion,
    Che opprime sto mio cuor solo a pensar,
    Che quando el Cazzo tira con rason
    8No sappiè dove 'l poverin cazzar.

In Culo nò, che là no xe concesso
    Per esser un peccà contro Natura,
    11Contro 'l voler del Ciel, e anca del Mondo.

Donca cos'hoi da far, diseme adesso?
    No xe meggio, che fazza investitura,
    14E aver in Culo la Natura, e 'l Tondo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/120&oldid=60457"