Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/119

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VORRIA MUAR VITA.


SONETTO


Gò una gran voggia de spiccar un volo
    Fora del fango de ste cose sporche,
    E de mandar la Mona sulle forche
    4Dei devoti mettendome nel rolo.

Vorrìa serrarme in una grotta solo
    Per no veder a torzio andar ste sporche,
    Che insaziabili, e ingorde, co fà l'orche,
    8Ai Omeni le fà romper el Colo.

Vorrave desmontar da quel mal uso,
    Che fazzo notte, e dì de ste cavale
    11Prima, che le me butta in qualche buso;

Ma un peso me sento sulle spale,
    Che gò paura de no levar suso,
    14Se chi puol tutto no me mette l'Ale.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/119&oldid=60455"