Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/111

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA DELLA MONA.


SONETTO


Cazzo, stame lontan, nè mai più arrente
    No me vegnir, se no te fazzo un segno,
    Che fartelo portar sempre m'impegno
    4Tocco de scellerato, e bon da gnente.

A dir ste cose, se qualcun te sente,
    No i dirà mai, che ti ti è quell'indegno,
    Che dise mal de mi co tanto sdegno,
    8Quantunque mi de questo sia innocente.

Se da mi qualche volta ti xe stà
    Per fotterme ti hà pianto, co un puttello,
    11Nè de farme chiavar mai gò pensà;

Che, se credea sentir sto gran bordello,
    No t'averave mai gnanca vardà,
    14Che zà no son voggiosa dell'Osello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/111&oldid=60448"