Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/110

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO LA MONA.


SONETTO


Esser la causa mi dei to malani,
    Porca, ti disi, e ti mel disi in fazza?
    Quando ti è l'obbrobrio d'ogni razza
    4De Sbirri, de Spioni, e de Ruffiani.

Per causa toa quanti patisse affani,
    Quanti matti ghe xe, che se strapazza,
    E de più ancora qualchedun se mazza
    8Per i to iniqui, e micidiali dani;

Donca, se mi te lasso, gò rason,
    E se no vegno più, marza de Mona,
    11Gnanca per questo no me dir baron.

Ti, zà lo sò, che più no ti xe bona,
    Nè addesso gò gnessuna suggizion
    14De dir, che ti è 'na Vacca buzarona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/110&oldid=60447"