Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/112

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VUOL LASSAR LA MONA PER EL CULO.


SONETTO


Monazze buzarone, avè fenìo
    De tormentarme, e far de mi strapazzo,
    M'avè ridotto adesso un visdecazzo
    4Afflitto, mesto, e molto desconìo.

Un scolamento verde, poffar Dìo,
    Che zorno, e notte me tormenta 'l Cazzo,
    Con cento impiastri, povero gramazzo,
    8El baston porcarò da st'ora in drìo.

Un Ulcera mi gò sulla Cappella,
    L'Osel xe grosso, come quel d'un mulo,
    11E 'l dolor zorno, e notte me flagella.

Monazze buzarone, sto trastulo
    No gaverè mai più, la farò bella;
    14Lasserò star la Mona, e anderò in Culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/112&oldid=60449"