Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/109

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA DELLA MONA.


SONETTO


Dime, Cazzo baron, in sta maniera
    Ti me strapazzi, e ti me fà sto torto?
    Oh pustu mille volte cascar morto,
    4Oppur esser magnà da qualche fiera.

Và là per sempre confinà in gallera,
    Che prego 'l Ciel no te dia mai conforto,
    Mostro nefando, e scellerato aborto
    8Dell'anema più negra, che sìa in Tera.

Ti disi, ch'impestada son, e pregna
    D'altri mali? Ma dime un poco adesso,
    11Chi è colpa del mio mal, anema indegna?

El chiavar; che ti fa con tanto eccesso,
    Xe la sola rason, perchè me vegna
    14Addosso sto ridicolo processo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/109&oldid=60446"