Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/108

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CONTRO LA MONA.


SONETTO


Mona, te lasso, no sperar, ch'attorno
    Mai più te vegna per chiavarte ancora;
    Và pur dove ti vuol, và alla malora,
    4Che de cuor mi te mando, e notte e zorno.

Ti xe della Città ludibrio, e scorno,
    Che 'l povero Cotal sempre divora,
    E per ti caminar se vede ognora
    8Tanti strupij, e impiagai sempre d'intorno.

Ti no ti gà, che peste, e scolamento,
    Ulcere, con panocchie, e robba infetta,
    11Che i nostri Cazzi impesta in un momento.

Porca, da Pluto và, che zà 'l te aspetta,
    E ch'un ferro infuogà cazzarte drento
    14El vuol in quella tana maledetta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/108&oldid=60445"