Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/107

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Puttana buzarona, oh che brusor!
    Povero Cazzo, ti me fà peccà!
    Ti pianzi tutto 'l zorno el to dolor,
    4E compassion de ti gnessun no gà.

Un certo, che me sento, batticuor,
    Che me casca l'Osello, in verità,
    Questo xe quello, che me dà timor
    8De restar visdecazzo, come và.

Tientela cara pur quella to Mona,
    Che voggia no gò più de vegnir drento,
    11Perchè t'ho cognossù 'na buzarona.

A mi tocca tegnirme el scolamento,
    E ti nettarte ben la to simona,
    14E pò và a tiorlo in Cul, che son contento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/107&oldid=60444"