Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/106

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Oimè! No posso più, mi gò un gran mal,
    Me vedo tutto quanto scortegao,
    Mi no magno, no dormo, no gò fiao,
    4E hò perso quasi l'uso natural.

Quando vago a pissar in orinal
    Me vedo tutto 'l Cazzo impiagao,
    E de peste, e de rogna imbosemao,
    8E son reduto a andar all'ospedal.

Questo mi hò guadagna a andar in Pota,
    Ma se guarisso mai, poffar al Mondo!
    11No ghe ne magno più gnanca de cota;

Se 'l Cazzo tirerà, chi sà, segondo,
    O che m'intenderò col deo Peota,
    14O me divertirò sempre col Tondo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/106&oldid=60443"