Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/100

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO


SONETTO


Nò, no se trova più Potte innocenti,
    E ste Putte và tutte a fil de spada,
    I Preti, e i Frati fà la prima strada;
    4E i Secolari sorbe i scolamenti.

Con devozion sti ipocriti giumenti
    I và zirando tutta la contrada,
    E se ghè qualche Putta, che gh'aggrada,
    8I se la chiava senza complimenti.

No i gà rossor sti fottidori mostri,
    Avendo in man el Cristo, e la corona,
    11De penetrar el Cazzo anca in ti chiostri.

Secolo infame! Moda buzarona!
    Che ti servi de Cristi, e Pater nostri
    14Per buttar zò le porte d'una Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/100&oldid=60439"