Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/101

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO


SONETTO


Mondo beccofottù, buzaradazzo,
    Mi te gò in Culo, e vago a farme Frate,
    Feve pur buzarar in le culate,
    4Puttane mie, no ghe ne penso un Cazzo.

Mone alla larga, tutte quante a mazzo
    Ve le podè salar, Pottiffe amate,
    Ho rotto ai zorni mii cento pignate,
    8Per Dio, son stuffo, e più no me n'impazzo.

Scondo le iniquità sotto 'l Capuzzo,
    Che no gò più calor per chiavar Potte,
    11E i scolamenti m'ha redotto un struzzo;

La gran peste m'hà fin le meole cotte,
    Del gran chiavar l'Osello è fatto guzzo,
    14Solamente xe intiere le ballotte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/101&oldid=60440"