Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/99

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTORE S'IMPESTA.


SONETTO


Cosa voleu? Ghe digo un dì a 'na Dona,
    Che da un balcon la me tendea a chiamar;
    Ella risponde, me voi far chiavar,
    4Perchè adesso me spizza assae la Mona.

Mi ghe dago un'occhiada a sta parona,
    Credendo la volesse cogionar,
    Ma sento, che la torna a replicar;
    8Vegnì avanti; credeu; che ve cogiona?

Digo la verità; m'ha piasso 'l muso,
    Son andà drento, e in letto l'hò colgà,
    11E senz'altro pensar ghe 'l paro suso,

Ma maledetto, co la gò chiavà,
    Perchè sta buzarona da quel buso
    14Un Diavolo de peste m'ha pettà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/99&oldid=60638"