Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/51

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


STUPISSE DE CHI NO SBORA


SONETTO


De quei no me stupisso, che fà bezzi,
    Che struscia, e ranca per levar tesori,
    Nè de quei, che s'affanna per onori,
    4Nè de chi per amor fà dei mattezzi;

Gnanca de certi Omeni scavezzi,
    Che magna, e beve, come traditori,
    Nè de sti desperai de ziogadori,
    8Che buttarìa in un dì la casa in pezzi.

Saveu de quai, che me stupisso ognora,
    E che per elli sento compassion,
    11De quei, che in gnessun tempo mai no sbora;

Perchè a questi, co fazzo refflession,
    Mi vedo, ch'altro premio in so bon'ora
    14No i gà, che mantegnir la tentazion.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/51&oldid=60410"