Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LODE ALLA MONA


SONETTO


Oh! Mona in frà le cose delicate
    Vera delizia della stirpe umana,
    Ti de Cazzi ti xe la Tramontana,
    4Ti de sto nostro Ciel la via del late;

E vù Bardasse, che fè da puttana,
    Petteve el vostro bus sulle Culate,
    Oppur deghelo a nolo a qualche Frate;
    8Che 'l ve refila sù la cascia in cana,

Per mi fina, che vivo, e infin, che posso;
    Voggio sempre per Dio fotter in Mona;
    11S'anca credesse de morirghe addosso;

Anzi, se posso mai, Dio me 'l perdona,
    In vece sul Sagrà de farme un fosso,
    14Me voi far sepelir in t'una Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/50&oldid=60409"