Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/52

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SBAGLIO DALLA MONA AL CULO


SONETTO


Ho volsudo chiavar un dì a passin
    Una certa Bettina Castellana,
    L'ho vista in casa in tempo de Caldana;
    4Che la giera in camisa, e in sottanin.

Fin, che le Tette gò toccà un tantin
    Se m'hà 'l Cazzo indurìo, come una cana,
    Quà l'ho tratta sul letto a mo puttana
    8Col Culo in sù, che giera grasso, e fin.

Dopo gò dito, senti, cara Betta,
    Mi addesso coll'Osel te vegno sora,
    11Sporzime ben la Mona, che tel metta;

Ma in pè, ch'in Mona in Cul l'ho messo; allora
    La s'hà taccà a zigar, ti falli, aspetta,
    14Ti me xe in cul...., ma non importa, sbora.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/52&oldid=60411"