Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/49

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA LO STESSO ARGOMENTO


SONETTO


Sì, che 'l volevi, che quel furegarve
    Alla meggio in quei lioghi colla man,
    Quel sospirar ansioso, e quel menarve
    4El chiama el Cazzo cento mìa lontan.

No ve stè donca, o Cara, a tormentarve
    De più per un rossor empio, e tiran,
    Vardè, mi son quà pronto a soddisfarve
    8Tutto affetto per vù, robusto, e san.

Cussì gà dito l'Omo, e 'l viso rosso
    Xe vegnudo alla Bella, come el fuogo;
    11Ello l'hà intesa, e 'l ghè saltado addosso.

Quel, che sia nato in quell'ardente sfuogo,
    Per bon riguardo dirvelo no posso,
    14Indovinelo vù, che savè el ziogo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/49&oldid=60408"