Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/48

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A UNA, CHE SI MENAVA LA MONA


SONETTO


Bravissima, v'ho visto, e con che gusto,
    Da per vù a carezzarve el bianco petto,
    L'avè trovà ben tondo, e solidetto,
    4Siben no fussi allora stretta in busto;

V'ho vista a carezzarve, come giusto
    Se suol accarezzar un cagnoletto,
    E zonta alla gran sede del diletto
    8El gusto novo trar v'hà fatto un susto;

Grama! Da quei tesori procurevi
    De cavar pur un'ombra de solazzo,
    11Senza gnanca saver quel, che bramevi.

Sentivi un fuogo, che ve dava impazzo,
    Menevi i fianchi, le Cosse slarghevi.
    14Grama! Senza saver volevi el Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/48&oldid=60407"