Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


BONTÀ D'UNA VILLANA


SONETTO


Sull'erba una Villana zovenotta
    Ho trovà sola un zorno, che dormiva;
    Quando ho capìo, che gnente la sentiva,
    4E mi bel bello toccheghe la Potta.

La s'hà svegià, la xe restada in botta
    Vedendome, che in man gavea la piva,
    La dise, cosa xe sta robba viva,
    8E mi ghe digo, un Cazzo, che ve fotta.

No la fà brutto a sto parlar el muso,
    E mi tiò l'occasion, che la me dona,
    11E tireghe le cottole ben suso;

Co ho visto, che la xe una bona Dona,
    Che la se mette colla panza in suso,
    14E mi senz'altro mettighelo in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/46&oldid=70147"