Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/290

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VORRIA, CHE LA DONNA FASSE DA OMO.


SONETTO


Se comandasse mi liberamente,
    Sentì, che leze, che vorrave far,
    Che le Donne dovesse comandar,
    4E i Omeni no avesse da far gnente;

Che no i s'avesse a lambicar la mente,
    Ma le Donne gavesse da studiar,
    Che le avesse le dispute da far,
    8E le dovesse giudicar la zente.

In summa mi vorrave, che le fasse
    Tutto quel, che fa l'Omo, e vorrìa ancora,
    11Co se le chiava, le se sfadigasse;

La parte attrice, che la fasse allora,
    E che se fusse certi le sborasse,
    14Perchè no se sà mai quando le sbora.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/290&oldid=60390"