Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/291

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NO GHÈ PIÙ BELLA VISTA DELLA MONA.


SONETTO


Xe certo un bel veder i drappi d'oro,
    I galloni, i ricami sopra fini,
    Xe un bel veder un sacco de Zecchini,
    4Xe un bel veder le zogie del tesoro;

Xe un bel veder el Dose in bucintoro,
    I palazzi de marmi scielti, e fini,
    Le statue nelle sale, e nei zardini,
    8Xe un bel veder el Papa in concistoro.

Xe un bel veder le Collinette amene,
    Xe un bel veder ballar, quando, che i sona,
    11Nei teatri xe un bel veder le scene;

Xe un bel veder un Rè, co i lo incorona,
    Un'armada, che in Mar và a vele piene,
    14Ma sora tutto è un bel veder la Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/291&oldid=60391"