Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/275

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PATTI DELL'AUTORE ALLA SO DONNA


SONETTO


Sentì cosa vorrìa, cara parona,
    Co volè, che ve staga sempre drìo;
    Che fessi prima tutto a modo mìo,
    4E ve scordessi d'esser zentildona,

Che con vù no vegnisse altra persona,
    Che m'avesse da romper el da drìo,
    L'ozio, e la gola fusse 'l vostro Dìo,
    8Nè me vegnissi via colla corona;

Che ve podesse dir liberamente
    Quante buzare mai ve vien in testa;
    11Nè ve n'avessi mai per mal de gnente,

Che quando pò, che 'l Cazzo me molesta,
    Ve podesse chiavar subitamente,
    14Se volè'l mio servir la leze è questa

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/275&oldid=60381"