Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/257

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL BEL DELL'OMO


SONETTO


Che 'l Mondo pur se sfoga in adorar
    Le mercenarie, e l'ambiziose Done,
    Quelle sole mi chiamo oneste, e bone,
    4Che per genio, e buon cuor se fà chiavar.

Se trà do muri le se và a serrar,
    Le vardo, come inutili, e cogione;
    E affatto pò me par strabuzarone
    8L'altre, che gusto all'Omo no vuol dar;

Chè la Natura ascolto, e nò Platon,
    La Mona gratis s'hà da dar, e pronta
    11Per trastullo, per sfogo, e più in passion;

Solo darla bisogna netta, e sconta,
    E tanto al galantomo, che al baron,
    14Che un ben la xe dell'Anemal, che monta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/257&oldid=60372"