Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/256

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LODA 'L CUL DE DONNA CATE


SONETTO


La biaca è un negrofumo in paragon
    Del vostro bianco Cul, Madonna Cate,
    Le vostre candidissime culate
    4Fà, che 'l zesso più fin para carbon.

No occorre miga, che se tegna in bon,
    Dove, che xe sto Cul, l'avorio, e'l late
    L'alabastro più fin, le nevi intate
    8Cede tutti a sto Cul la so rason.

Le colombe xe negre, i cigni mori,
    Se el Zensnmin, e 'l Ziglio se trovasse
    11Dov'è sto Cul, no i parerìa più fiori.

Se i gavesse sto Cul tanti Bardasse
    I poderava guadagnar tesori;
    14Ma più bello el sarìa, se nol cagasse.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/256&oldid=60371"