Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/258

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA BELTÀ DELLA DONNA STÀ NEL MUSO.


SONETTO


Che gabbi pur la Donna un gran bel buso,
    Un Cul con do grandissime culate,
    Che la gabbia do Tette assae ben fate,
    4Gnente la val, co no la gà bel muso.

Questo xe quel, che ne fà vegnir suso
    El Cazzo, e che'l ne tira, come a un Frate,
    Sia pur le carne ruspìe, o delicate,
    8Co 'l muso è bon, no se ghe varda suso.

La Donna giusto xe come un palazzo,
    Che quando, che nol gà bona fazzada,
    11Gnessun nol varda, e no lo stima un Cazzo.

Colla brutta per far bona zornada,
    No ghè altro per no vederghe'l mostazzo,
    14Che darghe una gran bona buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/258&oldid=60373"