Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/239

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che la servisse, o che ghe andasse drio,
    Altri, che quel cogion de so Marìo,
                    33O el Cugnà, o un so Zio.

Per parlar co una Donna maridada
    Se fava una fadiga buzarada,
                    36E a darghe una chiavada

Se spendeva in quei tempi tanto arzento,
    Che con quello in ancuò senza gran stento
                    39Se ghe ne chiava cento.

Le putte fava una vita assae ristretta,
    Le andava tutte colla so veletta,
                    42Oppur colla moretta;

Che le ghe fusse gnanca se saveva;
    Perchè in publico mai le se vedeva,
                    45Nè mai se ghe podeva

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/239&oldid=64438"