Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/238

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E come, che'l s'hà subito assentà,
    Perchè'l saveva ben la so reità,
                    18Amor l'hà proclamà,

E co l'hà visto, che de quando in quando
    Da tutte le Città lù và scappando;
                    21Senti, questo xe 'l bando.

L'Onor, che giera solito aver stato
    Nelle case dei grandi, e del privato
                    24Imputà d'aver fatto

Patir tante gran Donne maridae,
    Che per lù tanto cempo le xe stae
                    27In casa retirae,

Perchè una putta, co la giera Dona,
    La gaveva d'andar co so Madona;
                    30Nè ghe giera persona,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/238&oldid=64437"