Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/237

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


BANDO DELL'ONOR


SONETTO


Donne graziose, che sè fatte apposta
    Per delizia dell'Omo, co volè,
    E sta virtù dal Cielo vù gavè,
    4Perchè sè stà formae d'una so costa.

Da vù mi son vegnù quà a bella posta
    Mandà dal Dìo d'amor, perchè sappiè,
    Che quell'Onor, che tanto vù stimè,
    8E che per conservar tanto ve costa,

Dal so conseggio lù xe stà bandìo,
    E con ello in perpetuo tutti quanti
    11Quei gran cogioni, che ghe andava drio.

I motivi del bando xe stai tanti,
    Che supera a contarli, sì per Dìo,
    Tutte quante le colpe dei birbanti.
                    15L'è stà chiamà davanti,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/237&oldid=60364"