Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/236

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LE MODERNE RECREAZION


SONETTO


Quando me trovo in qualche recreazion,
    Dove sia Donne, me vien sù'l mio mal,
    Perchè osservo, che questa xe del tal,
    4E quella per quell'altro gà attenzion.

Una la stà là in occa in t'un canton,
    Perchè là xe vegnua la so rival,
    Un'altra gà una colera bestial,
    8Perchè 'l so Cavalier xe andà a torzion.

Ghe ne xe, che no bada a chi se sìa,
    El ziogar xe el so unico trastulo,
    11E insin la Potta le se ziogarìa.

Mi che vedo, che, come fusse un mulo,
    Gnessuna no me varda, vago vìa,
    14E saveu dove vago? Vago in Culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/236&oldid=60363"