Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/233

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA FATALITÀ DELL'AUTORE


SONETTO


Che gran fatalità, che xe la mìa,
    Che no posso sborar co chi me piase,
    Se le voggio toccar le me vien vìa
    4Con quella del so onor solita frase.

In testa le gà sempre sta pazzìa,
    Le dise; che ste cose no ghe piase,
    Che'l xe peccà, che'l Confessor ghe crìa;
    8E le me manda col mio Cazzo in pase.

O mi no gò fortuna co sto sesso,
    O mi no ghe sò far el spasimante.
    11Per Dìo! no le me vuol rosto, nè lesso;

Per mi le trovo tutte oneste, e sante;
    Ma quel, che vogo xe, che sò, che adesso
    14Le xe gran buzarone tutte quante.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/233&oldid=60360"