Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/201

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO


SONETTO


Chi vuol goder un nobile solazzo
    Vada in piazza la sera a spassizzar,
    Là se vede el gran Mondo messo in chiazzo,
    4El lusso, e la lussuria tripudiar.

Là i Omeni, e le Donne tutte a mazzo,
    Chi stà in pìe, chi sentai, chi a caminar,
    Chi beve el so Caffè, chi robba in giazzo,
    8Chi a tutte quante el naso ghè vuol dar.

Chi vuol saver chi è questa, e chi xe quella,
    Chi xe el so Cavalier, e chi 'l so amante,
    11Chi varda se l'è goffa, o se l'è snella.

Ghe manca un ben in ste delizie tante,
    E la scena sarave assae più bella,
    14Se chiavar se podesse tutte quante.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/201&oldid=60344"