Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/200

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA LA STESSA FIERA


SONETTO


Chi vuol godere un Mondo allegro, e bello
    Vegna la sera in piazza a spassizzar,
    Dove, che i vederà quà, e là zirar
    4Mille Donne, che fà tirar l'Osello.

Subito, che le vien in sto bordello,
    Ghe scomenza la Mona a sbocchizar,
    E, come el Pesce alza la Testa in Mar,
    8Cussì le fà vardando questo, e quello.

De tutte ste gran Donne d'ogni razza
    Saveu cosa, che xe 'l so gran solazzo?
    11L'è quel de farse ben vardar in fazza.

Andemo, le ghe dise a quel gramazzo,
    Che và con elle, a cercar aria in piazza;
    14Ma le và per cercar un altro Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/200&oldid=60343"