Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/194

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PIUTTOSTO MORIR, CHE NO PODER SBORAR


SONETTO


A cosa serve tante cose bone,
    Che ghè in tel Mondo, e chiassi in quantità,
    Quando no abbiè el Cazzo più tirà
    4Da poder ben chiavar ste buzarone.errata corrige originale

Per mi ghe dono i scettri, e le corone
    Per un boccon de Mona, o de metà,
    Vedemo, ch'anca David gà lassà
    8Più d'una volta el Ciel per delle Mone.

In summa a ben pensar el Mondo è belo
    In quanto ghe xe 'l gusto del chiavar,
    11Che 'l resto xe una buzara, credelo,

Tanto, che più felice a mi me par,
    Che sia, chi più no vive, co no è quelo,
    14Che magna, dorme; e no puol più sborraerrata corrige originale.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/194&oldid=65524"