Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/179

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NO SE DEVE BIASIMAR CHI SE FÀ FOTTER


SONETTO


Se xe, che per la Mona è fatto el Cazzo,
    E per el Cazzo fatta sìa la Mona,
    Perchè mai s'hà da dirghe buzarona
    4A quella, che in la Mona tiol el Cazzo?

Un pensar questo xe da Visdecazzo
    El dir, che no la possa mai la Dona
    Farse averzer col Cazzo la so Mona,
    8Quando, che per sto fin xe fatto el Cazzo

Per cosa elo creà? Sol per pissar,
    O per tegnirlo drento in le braghesse,
    11Perchè nol s'abbia mai da doperar?

Un cogion sarìa quel, che la credesse.
    El Cazzo xe stà fatto per chiavar
    E Camariere, e Dame, e Prencipesse;
                    15E se qualcun gavesse

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/179&oldid=60325"