Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/173

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO


SONETTO


Feve fotter, puttazze, allegramente,
    No stè de bando, che l'età s'avvanza,
    Godè tutto el piaser de tiorlo in panza,
    4E sentirè co dolci è quelle spente.

Al secolo d'ancuò tutta la zente
    Chiava zò a precipizio, e và all'usanza;
    E quel, che no lo fà per ignoranza,
    8O xe un gran visdecazzo, o xe innocente.

Chiava el Barba la Nezza, e anca el Zerman
    Alla Zermana ghe lo cazza in Mona,
    11O almanco prova el gusto della man;

El Cugnà istesso no ghe la perdona
    Alla Cugnada, che co un cuor da can
    14Ghe fà i corni al fradello, e lo cogiona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/173&oldid=60319"