Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/174

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO


SONETTO


Care Putte credeu forse, che a posta
    La Mona gabbiè solo per pissar,
    O a forza de menarvela sborar
    4Senza, che all'Omo mai ghe l'abbiè sposta?

Formae vù altre sè d'una so costa,
    Per sta rason dovè l'Omo abbrazzar,
    E darghe anca la Mona da tastar,
    8Che de tante delizie xe composta.

No parlo pò del Cul, o delle Tette,
    Che toccando ne dà tanto solazzo,
    11Quando, che in Potta, care, el se ve mette.

Co ste belle cosette deve spazzo,
    Che ve diremo ben: sieu benedette!
    14Senza aver briga de menarse el Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/174&oldid=60320"