Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/172

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO


SONETTO


Se no l'avè puttazze ancora rotta,
    Destrigheve più presto, che podè,
    Che quando, che risolte ve sarè,
    4A buttarvela zò basta una botta.

Ma per vù altre putte, che ve fotta
    Bisogna un Cazzo grosso, che tiolè,
    Perchè ogni zorno granda ve la fè
    8A forza de cazzarve i dei in la potta.

Mo gran dei, poffardìo, che và a torzion
    Ai nostri zorni, e xe in solennitae
    11Facendo colla Mona la funzion!

Ma sarìa meggio pur quattro chiavae
    Fatte d'un Cazzo grosso longo, e bon,
    14Cussì raddoppiaressi le sborae.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/172&oldid=60318"