Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/171

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO


SONETTO


Quanto putte da ben ve compattisso
    A vederve là in casa retirae,
    Senza poder dar mai quattro sborae
    4Co quel negozio, che trà fuora el pisso.

Ve digo ben, che assae mi me stupisso,
    Che no capì, che sè ben cogionae;
    Che co no ve fè dar delle chiavae
    8No fè zente per Dìo, nè per l'Abbisso.

Cosa credeu, che sia la vostra Cocca,
    Una reliquia, o un vaso d'elezion,
    11Che no volè gnessun, che ve la tocca?

La xe un vaso de pisso bel, e bon;
    Ma gnanca un vaso, che la xe una bocca
    14Per inghiottir i Cazzi a strangolon.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/171&oldid=60317"